martedì 16 maggio 2017

Album fotografico della sosta a Cagliari di Peace Boat con Orizuru Project a bordo

Lo scorso 13 maggio, il Centro di documentazione ha collaborato per un evento di accoglienza della decima edizione di Orizuru Project a bordo della nave di crociera PEACE BOAT, che ha fatto l'unica tappa italiana a Cagliari.
La delegazione giapponese di Peace Boat era davvero felice, emozionata e soddisfattissima della giornata e della nuova amicizia. Speriamo che sia un inizio di una lunga solidarieta' e la collaborazione tra le societa' civili italiana e giapponese che lavorano per la pace.
Sull'evento della giornata segnaliamo il servizio della Rete italiana per il Disarmo del 14 maggio 2017
Si ringraziano gli amici cagliaritani per buona parte delle foto.

Arrivo della delegazione dei sopravvissuti di Hiroshima e Nagasaki della prima e della seconda generazioni
Una bella sorpresa per la delegazione: numerose associazioni locali danno un benvenuto molto colorato davanti alla Cattedrale

Seiichiro Mise, superstite alla bomba di Nagasaki all'eta' di 10 anni lancia un breve appello
La mattinata trascorsa insieme agli studenti dell'
Instituto Istruzione Superiore "Buccari-Marconi"


Incontri pomeridiani hanno avuto luogo al Teatro Massimo

Incontro con rappresentanti istituzionali tra cui alcuni parlamentari

All'incontro pubblico che chiudeva la lunga giornata la sala era piena con le persone anche in piedi
La signora Kazumi Tsuchida, hibakusha di Hiroshima consegna un dono a Francesco Vignarca della Rete italiana per il Diasrmo che ha coordinato le iniziative della giornata

Signor Mise e la Signora Toshiko Tanaka sono stati intervistati dalla stampa locale




Concerto all'apertura dell'incontro pubblico di
Caracas Orchestra










giovedì 23 marzo 2017

Cambio dell'indirizzo mail

CAMBIO INDIRIZZO MAIL

Soppressione della casella info@semisottolaneve.org
23 marzo 2017

ATTENZIONE:

a partire dal 25 marzo 2017 l'indirizzo mail info@semisottolaneve.org verrà soppresso e tutte le sue funzioni verranno trasferite all'altra casella campagna@semisottolaneve.org

Vi preghiamo di prenderne nota. Grazie!

lunedì 30 maggio 2016

Novità editoriale: "Dalla bomba atomica al Pikadon" (Quaderni Satyagraha 29)

Siamo felici di poter festeggiare il decimo compleanno del Centro di documentazione con questa nuova pubblicazione, che riassume un po' il nostro cammino, il tessere dei rapporti negli ultimi anni.
Si intitola "Dalla bomba atomica al Pikadon: Comprendere e trasmettere le esperienze di Hiroshima e Nagasaki" a cura di Yukari Saito a cui il direttore della rivista del Centro Gandhi ha voluto dare carta bianca, dalla redazione alla traduzione e all'eraborazione grafica delle pagine a colori. Ma la nascita del volume è stata possibile solo grazie all'aiuto di tanti amici e la collaborazione di vari soggetti. Ringraziamo di cuore al sostegno e alla fiducia che ci avete dato.

Dal 10 giugno il volume è acquistabile presso i due seguenti siti di libreria on-line
http://www.ibs.it/code/9788875000318/zzz99-saito-y/dalla-bomba-atomica-al.html 

http://www.mondadoristore.it/Dalla-bomba-atomica-Pikadon-na/eai978887500031/


LA PRIMA PRESENTAZIONE: Domenica 5 giugno 2016 @ Museo della Grafica di Pisa
dalle 16.30 il volume è stato presentato da Francesco Lenci, Matteo Casari e Rocco Altieri.


L'incontro si è svolto nel Museo dove era in corso una mostra "C/ARTE PER LA PACE: Le gru nel cielo tra Hiroshima e Pisa" (fino al 12 giugno) e nella concomitanza con l'estemporanea di pittura nel giardino (dalle 15 alle 19) a cui hanno partecipato una trentina di artisti espositori alla mostra.

L'ingresso alla mostra è gratuito. L'orario della mostra dalle 9 alle 19 da lunedì a domenica





I nostri pannelli didattici per la mostra C/ARTE PER LA PACE al Museo della Grafica




















C/ARTE PER LA PACE: Gru nel cielo tra Hiroshima e Pisa


Dal 18 maggio al 12 giugno
al Museo della Grafica di Pisa
Lugarno Galilei 9 - Palazzo Lanfranchi
potete visitare una mostra
delle gru per la pace
fatte da centinaia di mani piccole e grandi.
Vi accoglie un mondo
dei colori e delle forme
nato da un'immane trafedia
ma viaggerete sulle ali
piene di speranza.

Le gru grosse sono state dipinte all'Estemporanea di pittura del 4 luglio 2015 e 
in altre occasioni simili durante l'estate
mentre la tela lunga 30 metri nel vano scala è stata dipinta 
all'estemporane del 24 ottobre, la vigilia del 60mo anniversario della morte di Sadako.
Le centinaia di piccole gru piene di fantasia sono opere 
dei bambini di 23 classi di 5 istituti comprensivi pisani che 
hanno partecipato al concorso promosso dal Club Kiwanis di Pisa.

La mostra è accompagnata da 13 pannelli didattici sulla vicenda storica
a cura del Centro di documentazione Semi sotto la neve che ha fornito 
anche altri materiali nelle teche.

L'ingresso è gratuito da lunedì a domenica dalle 9 alle 19.

lunedì 2 novembre 2015

Mai più Hiroshima: la testimonianza di Toshiko Tanaka, artista della pace

Toshiko Tanaka, una nota artista di cloisonné, aveva 6 anni e 10 mesi quando la prima bomba atomica venne sganciata sulla città di Hiroshima. Fu colpita ma miracolosamente salvata e ha vissuto per 70 anni cercando di dimenticarla. Solo arrivando all'età di settant'anni decise di raccontare le sue esperienze nella speranza che le future generazioni possano vivere in un mondo libero dal nucleare.
 

Dal 6 al 14 novembre sarà in Toscana e in Umbria per condividere questa speranza con voi.

Tutti gli appuntamenti con la signora Tanaka in Italia sono i seguenti:
venerdì 6 novembre ore 16 Conferenza stampa
                                            @ Sala Regia di Palazzo Gambacorti (Comune di Pisa)
sabato 7 novembre (attorno alle 11.30-12, da riconfermare) un breve saluto
                                            @ Pisa Book Festival nel laboratorio per insegnanti di scuole

                                                   organizzato da CorreLaMente
lunedì 9 novembre @ Sala Rossa di Palazzo Trinci - Foligno
                               ore 10.30 (incontro con le scuole)
                               ore 16.30 (incontro con la cittadinanza)
martedì 10 novembre @ Museo della Memoria Locale di Cerreto Guidi
                               ore 21 incontro con la cittadinanza di Cerreto Guidi e Vinci
mercoledì 11 novembre @ Casa dei popoli di Sovigliana (Vinci)
                               ore 10.30 incontro con le scuole
giovedì 12 novembre
@ Sala Regia di Palazzo Gambacorti 
                               ore 16 incontro con gli amministratori locali di Pisa
venerdì 13 novembre "Pisa non dimentica Hiroshima e Nagasaki"
                               ore 10 @ Aula Magna del Polo Carmignani (P.zza dei Cavalieri)
                               ore 15 @ Sala Azzura della Scuola Normale Superiore (P.zza dei Cavalieri)


sabato 14 novembre  S. Maria Maddalena dei Pazzi, Borgo Pinti 58
                               ore 10.30 incontro organizzato dalla Scuola Toscana





 
Chi è Toshiko Tanaka?


Nata a Hiroshima nell'ottobre 1938.
Alle 8.15 del 6 agosto 1945, quando la prima bomba atomica venne sganciata sulla città di Hiroshima, si trovava a 2,3 km dall'ipocentro, sulla via per la scuola elementare (aveva 6 anni e 10 mesi e frequentava il l primo anno delle elementari). Rimase gravemente ustionata e quella stessa sera perse la coscienza per diversi giorni. Tra le vittime che non lasciarono nemmeno i resti, ebbe una zia, mentre la sorellina venne ferita. Perdette anche tutti i suoi ex compagni di scuola, che frequentava fino a 6 giorni prima, perché la famiglia si era appena trasferita in un quartiere più periferico, non più, quindi, a soli da 500 m dall'ipocentro.
Per miracolo, si riprese e ricuperò la salute finché, all'età di 12 anni cominciò ad avere dei disturbi di vario genere, presumibilmente dovuti alle radiazioni.
Dall'inizio degli anni '70 cominciò a lavorare come artista di cloisonné, sviluppando un metodo originale per opere di grandi dimensioni, con cui vinse numerosi premi sia nazionali sia internazionali.
Nel febbraio 1981, quando Papa Giovanni Paolo II visitò Hiroshima, il sindaco della città gli offrì come dono una delle opere di Toshiko Tanaka “Message” (100 x 84 cm). 
Risalgono a quegli anni anche le sue prime attività per la pace: molti furono i contributi, soprattutto attraverso l'associazione degli hibakusha residenti negli Stati Uniti, fra i quali la donazione alle scuole di 400 copie della versione inglese di “Barefoot Gen (hadashi no Gen, in italiano Gen di Hiroshima)”, considerato il cartone animato capolavoro sulla bomba atomica di Hiroshima.
Ma, il vero momento di svolta per lei avvenne nel 2007, quando fece una crociera “globale” a bordo della Peace Boat*. Durante una visita a La Guaira in Venezuela, il sindaco della città scoprì che lei era una hibakusha e le disse: “Se non racconta lei che l'ha vissuto in prima persona, chi può raccontarci ciò che è successo in quel giorno a Hiroshima?”. 

Da allora, decise di testimoniare la sua esperienza del 6 agosto, di cui non aveva parlato nemmeno ai propri figli, nella speranza di non far ripetere le stesse esperienze alle generazioni future. L'anno seguente partecipò come testimone alla prima edizione del Peace Boat “Global Voyage for a Nuclear-Free World: Peace Boat Hibakusha Project”. Dal 2009 è attiva anche come artista per la pace: per conto di Hibakusha Stories, un'organizzazione non profit di New York, ha compiuto finora 10 viaggi negli Stati Uniti: si contano ormai 30 mila persone tra cittadini e studenti che hanno ascoltato le testimonianze sue e del gruppo newyorkese.

La sua visita in Italia potrebbe diventare l'ultima occasione di sentirla a parlare all'estero. Non perdetela, se potete!

* Piccolo glossario di parole chiave


Peace Boat

Peace Boat è una Ong internazionale con base in Giappone. Dal 1983 lavora per promuovere la pace e la sostenibilità attraverso l'organizzazione di viaggi a bordo di una grande nave da crociera. Fondata con lo scopo di riesaminare la storia aggressiva del Giappone nella regione Asia-Pacifico, conduce progetti di riconciliazione e pace. 
Peace Boat è una Ong con Status Consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (Ecosoc), e partecipa attivamente ad attività educative e di promozione del disarmo, prevenzione dei conflitti e sviluppo sostenibile. Fa parte della rete Global Partnership for the Prevention of Armed Conflict (GPPAC).


Sulla sua storia: L'arca per la pace giapponese: intervista a Tatsuya Yoshioka di Peace Boat


Sul “Peace Boat Hibakusha Project per un mondo libero dal nucleare” e qualche tappa in Italia


L'arca della pace in giro per il mondo con i sopravvissuti dell'atomica